Chiaroscuri

Chiaroscuri

Raccolta di poesie di Luigi Pucci, il fondatore del nostro Studio... Read more

Tax advisors

Tax advisors

Una tradizione lunga 50 anni, una ricca esperienza ereditata e poi arricchita applicando la pratica sul campo... Read more

Editoriale a cura di Studio Pucci Associati

Editoriale a cura di Studio Pucci Associati

Articoli a cura dei nostri professionisti sull’attività dello Studio e su temi di attualità legati alla nostra consulenz... Read more

Storia dello Studio

Storia dello Studio

Studio Pucci Associati ha le sue radici nei primi anni ’50. Quando il suo fondatore Rag. Luigi Pucci, muove i primi passi ... Read more

Vieni con Noi in Romania

Vieni con Noi in Romania

Grazie al nostro aiuto investire in Romania non è mai stato così sicuro e semplice... Read more

Il Progetto Romania

Nell'ambito della Sua attività Studio Pucci Associati ha sempre prestato una grande attenzione alle implicazioni internazionali che riguardano le attività delle imprese. Sia quelle collegate a strategie di delocalizzazione, sia quelle che riguardano le problematiche di carattere fiscale.

Continua a leggere

Come possiamo aiutare a crescere la tua azienda

To tradition and professionalism, we add the dynamism of the firm's staff that operates on functional and specialized sectors. The staff's work is based on ISO 9000 certified procedures and covers every area of activity, even the most specialized ones.

Consulta i servizi

Debito pubblico: Unimpresa, in ultimo anno raddoppiata velocità crescita

A cura di Claudio Pucci

Comunicato stampa UNIMPRESA del 24-03-2019

È raddoppia la velocità di crescita del debito pubblico nell’ultimo anno. Da gennaio 2018 a gennaio 2019, la voragine nei conti dello Stato si è allargata di 71 miliardi di euro al ritmo di quasi 6 miliardi al mese e con un incremento del 3,10%. Nei dodici mesi precedenti, invece, il debito è salito a un ritmo sostanzialmente pari alla metà ovvero di 35 miliardi annui, poco meno di 3 miliardi al mese e con un incremento, tra gennaio 2018 e gennaio 2017, dell’1,56%. Questi i dati principali di un report del Centro studi di Unimpresa secondo cui a gennaio 2019 il debito era a arrivato a quota 2.358 miliardi, 71 miliardi in più dei 2.286 miliardi di gennaio 2018 quando era cresciuto di 35 miliardi rispetto ai 2.251 miliardi di gennaio 2017. “Cresce il debito e rallenta l’economia: vuol dire che le scelte del governo di Giuseppe Conte e in parte di quello precedente guidato da Paolo Gentiloni non sono efficaci. Si spende di più a danni delle finanze pubbliche, ma i benefici non vengono trasmessi alla cosiddetta economia reale” commenta il vicepresidente di Unimpresa, Claudio Pucci.
Secondo l’analisi di Unimpresa, basata su dati della Banca d’Italia, il debito pubblico negli ultimi dodici mesi ha raddoppiato la sua velocità di crescita passando da un ritmo di 2,93 miliardi al mese (registrato tra gennaio 2018 e gennaio 2017) al ritmo di 5,92 miliardi al mese registrato nei 12 mesi successivi (da gennaio 2018 a gennaio 2019). Il debito pubblico era a quota 2.251,4 miliardi a gennaio 2017 ed è salito di 71,02 miliardi (+1,56%) arrivando a 2.286,9 miliardi a gennaio 2018; è poi aumentato di altri 71,02 miliardi (+3,10%) arrivando a 2.358,1 miliardi a gennaio scorso.
“L’analisi del debito ci consente di giudicare le scelte di politica economica, di capire come ci valutano gli investitori stranieri e di valutare il futuro: la sensazione è che si punti a ottenere consenso a breve termine e si stiano sacrificando misure di lungo respiro” aggiunge Pucci.

Dott. Claudio Pucci

Scadenzario fiscale

Scadenziario fiscale