L’evoluzione della pandemia in Italia

April 1, 2020

Pubblichiamo questo documento realizzato da The European House -Ambrosetti, uno tra i principali ThinkTank privati a livello mondiale,  in occasione di un webinar a cui abbiamo partecipato, in cui si analizza l’evoluzione della pandemia e si mette a punto un modello di andamento del Covid-19 in Italia avanzando prospettive sugli impatti economici ed il rilancio del business. Lo studio di chiude con la proposta di un Toolkit di pronto intervento per le aziende

WEBINAR STUDIO AMBROSETTI

DECALOGO DEGLI INTERVENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE

March 30, 2020

Di seguito riportiamo il decalogo in cui sono sintetizzati gli interventi previsti dal cosiddetto ‘Decreto Cura Italia’ a sostegno delle imprese.

  • SOSPENSIONE DEI VERSAMENTI E DEGLI ADEMPIMENTI TRIBUTARI

E’ prevista la sospensione dei versamenti di ritenute, addizionali, iva, contributi previdenziali e assistenziali dal 8.03.2020 al 31.05.2020. Destinatari: imprese con fatturato inferiore a 2 milioni di euro nell’anno precedente.

E’ prevista la sospensione, sempre dal 8.3 al 31.5, dei termini per gli adempimenti tributari diversi dai versamenti. Destinatari sono tutti i contribuenti. Da eseguirsi entro il 30.06.2020 .

Sono state sospesi i termini di versamento delle somme dovute a fronte di cartelle esattoriali, accertamenti esecutivi, avvisi addebito inps, dall’8.03.2020 fino al 31.05.2020.

Sospesi inoltre versamenti e adempimenti agli enti locali (ad esempio comuni). Contenuto e termini dipendono da ciascun ente.

  • CREDITO DI IMPOSTA PER LOCAZIONI COMMERCIALI PER IMMOBILI C/1

E’ stato istituito un credito di imposta pari al 60% del canone di affitto del mese di marzo, per gli immobili accatastati in categoria catastale C/1. I destinatari sono tutti i soggetti esercenti attività di impresa per le quali è stata disposta la chiusura.

  • CREDITO DI IMPOSTA DERIVANTI DALLA CESSIONE DI CREDITI VERSO CLIENTI INSOLUTI

E’ prevista, in seguito alla cessione di crediti deteriorati accumulati dalla imprese negli ultimi anni la possibilità di trasformare in crediti di imposta le tasse già pagate sul fatturato relativo a questi crediti. Siamo in attesa delle istruzioni ministeriali.

  • CREDITO DI IMPOSTA PER LA SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI

E’ stato istituito un credito di imposta pari al 50% delle spese di sanificazione degli ambienti fino ad un massimo di 20.000,00 euro. I destinatari sono tutti i soggetti esercenti attività di impresa, arte o professione.

  • INDENNITA’ DI EURO 600,00 PER LE PARTITE IVA E PROFESSIONISTI

Viene riconosciuto un bonus forfettario pari ad euro 600,00 a lavoratori autonomi, titolari e soci di società di persone e di capitali iscritti presso la gestione inps e non titolari di pensione.

La data dalla quale è possibile inoltrare la domanda è il 1.04.2020 tramite il sito dell’inps.

Sabato 28.3.2020 è stato firmato un decreto con il quale è stata esteso il riconoscimento dell’indennità anche ai liberi professionisti iscritti nelle rispettive casse di previdenza.

  • CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA

E’ prevista la possibilità per i datori di lavoro che sospendono o riducono l’attività di richiedere la cassa integrazione ordinaria per i loro lavoratori per massimo 9 settimane. Il pagamento verrà effettuato direttamente dall’INPS ed è possibile richiederla per i lavoratori assunti prima del 23.02.2020.

  • CASSA INTEGRAZIONE STARORDINARIA (O IN DEROGA)

Per i datori che non rientrano nella cassa integrazione ordinaria (quindi anche imprese con pochi dipendenti) è previsto l’accesso ai trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga per la durata di sospensione del rapporto di lavoro o comunque per massimo 9 settimane. I lavoratori devono essere stati assunti prima del 23.02.2020.

  • MORATORIA NEI PAGAMENTI DI MUTUI, FINANZIAMENTI, PRESTITI, LEASING

Possono beneficiare della moratoria (sospensione delle rate), facendone richiesta alla banca o all’intermediario finanziario, le microimprese e le piccole/medie imprese. La sospensione è fino al 30.09.2020. Bisogna autocertificare la carenza di liquidità per effetto dell’epidemia.

  • AGEVOLAZIONE PER L’ACCESSO AL FONDO CENTRALE DI GARANZIA

Viene ampliata la possibilità di accedere al Fondo di Garanzia per fronteggiare la necessità di liquidità causate dall’emergenza Covid 19. Per la durata di 9 mesi dalla data di entrata in vigore del decreto: la garanzia viene concessa a titolo gratuito; è esclusa la valutazione dell’andamento dell’impresa; diventano ammissibili le operazioni finalizzate all’estinzione di finanziamenti (rinegoziazione finanziamenti o consolidamento di passività a breve) erogati dalla stessa banca (o gruppo bancario); viene estesa la durata della garanzia sui finanziamenti già garantiti oggetto di sospensione delle rate o della sola quota capitale da parte delle banche finanziatrici.

Sono ammessi a garanzia, gratuitamente e senza valutazione, i finanziamenti a favore di persone fisiche che esercitano l’attività di impresa, arti o professioni la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19 (finanziamenti inferiori a 18 mesi fino a 3.000 euro di importo).

  • AMMISSIONE AL FONDO MUTUI PRIMA CASA

I lavoratori autonomi che certificano di aver registrato, nel trimestre successivo al 21 febbraio e precedente la domanda, un calo del proprio fatturato medio giornaliero superiore al 33 per cento del fatturato medio giornaliero dell’ultimo trimestre 2019, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività possono richiedere la sospensione del mutuo prima casa per 18 mesi.

Lo Studio rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti ed il supporto tecnico necessario per procedere con l’avvio delle pratiche relative ai diversi punti.

DECRETO CURA ITALIA – COVID 19: SOSPENSIONE PAGAMENTO CARTELLE ESATTORIALI

March 30, 2020

Con questa breve nota ci teniamo a offrire precisazioni in merito alla sospensione dei termini di pagamento delle cartelle esattoriali disposta dal c.d.  “Decreto Cura Italia”.

In particolare, l’articolo 68 del D.L. 18/2020 dispone che:

  • l’Agenzia delle Entrate – Riscossione non può notificare, nel periodo di sospensione intercorrente tra l’8.3.2020 e il 31.05.2020, nuove cartelle di pagamento, neanche tramite pec;
  • i termini di pagamento (60 giorni dalla notifica) di cartelle esattoriali notificate prima dell’8 marzo e non ancora scaduti a quella data, sono sospesi fino al 31.05.2020 e i versamenti sospesi dovranno essere effettuati entro il 30.06.2020;
  • qualora sia stata notificata una cartella di pagamento prima dell’8 marzo, mai rateizzata, sarà possibile richiederne la rateizzazione nel mese di giugno 2020 di modo da non dover pagare il dovuto in unica soluzione entro il 30 giugno. La richiesta di rateizzazione comunque può essere avanzata tramite canali telematici anche nel periodo di sospensione;
  • in merito ai piani di rateizzazione in corso, le rate scadenti nel periodo 8.3 – 31.5 sono sospese e devono essere saldate in unica soluzione entro il 30.06.2020;
  • se notificata una cartella i cui termini di pagamento sono scaduti prima dell’8 marzo, l’Agenzia delle entrate – Riscossione non può attivare alcuna procedura cautelare (es. fermo amministrativo) nè esecutiva (pignoramento) nel periodo di sospensione intercorrente tra l’8.3 e il 31.5. Se si è ricevuto prima dell’8 marzo un preavviso di fermo amministrativo, non può essere iscritto il successivo fermo nel periodo di sospensione di cui sopra;
  • la rata di rottamazione ter scadente il 28.2.2020 e quella di saldo e stralcio scadente il 31.3.2020 sono sospese e devono essere pagate entro il 31.05.2020;
  • il decreto non ha modificato, invece, il termine di pagamento della rata di maggio della “Rottamazione-ter” che deve essere pagata sempre entro il 31 dello stesso mese per non perdere i benefici della rottamazione.

Lo Studio rimane a disposizione per ulteriori chiarimenti.

FAQ | Le attività sospese e le eccezioni

March 26, 2020

Diffondiamo la Nota di aggiornamento e “Domande frequenti”, con cui la federazione Confindustria affronta le principali domande relative alla sospensione dell’attività delle società e le eccezioni che riguardano determinate categorie di attività.

FAQ – DPCM 22 marzo 2020.pdf.pdf.pdf

Sperando di aver fatto cosa gradita, restiamo come sempre a disposizione.

Studio Pucci Associati STP Srl

I codici Ateco delle attività che restano aperte con il DPCM del 22 marzo 2020

March 23, 2020

Pubblicato il DPCM del 22 marzo 2020 annunciato in nottata dal Presidente del Consiglio

Ecco l’elenco delle attività che restano aperte con i rispettivi codici Ateco.

Elenco delle attività che restano aperte

I nostri Professionisti sono a disposizione per ogni delucidazione del caso ai contatti ufficiali dello Studio.

Studio Pucci S.t.p.

Next Page »